mercoledì 20 agosto 2008

report 01/ diario di viaggio

Dopo 8 ore di auto la prima tappa: Mühlenbach nella Schwarzwald, ovvero una ridente località nella mitica Foresta Nera.

Mitica... ma assolutamente normale. I "nostri boschi" non hanno nulla da invidiarle. Di diverso c'è che (forse) qui ci sono più mucche, che la gente ci abita dentro o a ridosso e, a mo' di proseguimento dei bei paesaggi ordinatissimi della Svizzera, tutto é molto curato. Sembra di vedere, nell'alternanza di appezzamenti-prati da pascolo-campi-zone boschive delle coperte patchwork, di quelle fatte bene.





attenzione: sono alta 1,81 cm... e ho puntato verso l'alto la fotocamera per riprendere questi girasoli giganti... da mutazione genetica :)








CIBO Per i miei gusti si mangia malissimo, nel senso che qui mangiano GRASSO all'inverosimile. Così come le colazioni: una vera aggressione a lipide armato per il fegato. Ma i dolci... beh... quelli meritano davvero uno strappo alla dieta!




TEMPO Condizione tipica degli ambienti montani, qui difficilmente vivi un giorno di sole: le nuvole viaggiano veloci portando piogge improvvise. Ma é carino l'effetto nuvola impigliata tra i rami (semplicemente a bassa quota): fa molto foresta magica.

LINGUA Nota bene: in tedeschia sono moooooooolto restii a parlare inglese... anche nella terra di Heidi del resto (dove per altro conoscono l'italiano, almeno le frasi base che capisce chiunque). Per cui armatevi di santa pazienza, aguzzate l'ingegno e predisponetevi ad imparare VOI qlc parola di tedesco.

LOCATION Niente di prenotato prima: il bello era proprio questo, poter girare senza scadenze e quando un posto meritava o la stanchezza prendeva il sopravvento, via alla ricerca di un hotel, pensione, B&B. La scelta é stata la Pension Talblick: carina, pulita, circondata da fiori e foresta. La proprietaria che non parlava inglese è stata gentilissima e davvero carina: fa delle torte squisite!







e poi c'era il trenino dell'ammmooooooore... non ho ben capito, ma credo che faccia da spola da e per la cittadina... una versione molto country dei bus sight viewing cittadini




A NEW FRIEND Nonostante piovesse in modo anomalo (ed esagerato), imperterrita io restavo fuori a bere un buon té sotto un maxi ombrellone... ma c'era qlc altra stoica quanto me: Sina, una stupenda, dolcissima e morbidissima bovaro del bernese che sembra mi abbia adottato e sicuramente adorato... sarà forse perché le ho dato qualche briciola (beh... briciola...) di torta della casa? :)



(ed ho subito pensato ai cagnoloni della Vale!)

6 commenti:

Petra ha detto...

hai ragione... in fatto di lingue qui in svizzera è un vero disastro! in ticino le impariamo tutte e se vai ad ascona in estate... parlano tutti solo esclusivamente il tedesco! mentre in svizzera interna... non parlano che la loro lingua anche se come dici tu, in fondo in fondo qualche parola di italiano la sanno e anche l'inglese visto che l'imparano a scuola!
hihihhi vera anche la cosa del cibo in germania... è una cosa assurda... quasi peggio dell'inghilterra!!!!!!
cmq seguo con ansia il tuo viaggio!

Countrygal ha detto...

ciao Laurettaaaaa! bello il reportage a puntate...che bella quella pensioncina li' pero' in fatto di girasoli ti batto io, in Napa ce n'era uno di almeno 30 cm di diametro...o forse di piu'?? :-)

Al prossimo racconto...bacione

Fulvia

Rosa ^_^ ha detto...

Bella la prima parte! Sono curiosa di leggere il secondo reportage e poi il terzo e poi..... si perchè sei salita, salita, salita... ne avrai di cose da raccontare!

Francesca ha detto...

come primo reportage mi piace!! il girasole è impressionante.
per quanto riguarda il "niente di prenotatro prima" hai ragione, il bello è proprio quello! Io ho fatto la stessa cosa in America , pura avventura!! dove trovi posto dormi....siamo capitati a LAS VEGAS di venerdì e c'era un botto di gente, ci siamo dovuti accontentare di un motel da BRIVIDO!!!! che gran risate che ci siamo fatti!!!! invece sulla costa californiana, in un paesino bellissimo di nome Cambria, ne abbiamo trovato uno stupendo....aveva persino la piscina!
che bei ricordi........
ora aspetto il secondo reportage:)
Fra

Francip ha detto...

grazie! che belli i tuoi reportage! continua così mi raccomando, fra l'altro sono posti che adoro, ci sono stata anni fa e vorrei tornarci, mi hanno incantato!
Un bacione,
Francy

Vale ha detto...

Bello bello bello!! Soprattutto per la bubi (i bovari bernesi a casa mia si chiamano in questo modo poco onorevole ma molto affettuoso) crucca autentica!! I miei di germanico hanno poco: due su tre sono nati a Ge, Maietta è la più nordica, ma con lei non si supera Alessandria...
Continua a raccontarci il tuo viaggio verso nord!
Baci,
Vale