mercoledì 27 agosto 2008

report 07/ diario di viaggio

Kastelholm: castello medievale (1300) e testimonianza dell'importanza storica delle isole Aland (nodo nevralgico politico-economico tra Svezia e Russia).









the cessroom



Molto carino! Anche nell'area try on your medieval hats :)
Mi é subito venuta voglia di cucirne un paio :)








Anche qui la caccia alle streghe ha visto morire (dopo atroci torture) innocenti di ambo i sessi. Ma, come vuole la tradizione, meglio se donne con cervello e sagge (wise... very wise) da mettere subito a tacere.





Chiaramente le radici pagane sono vivissime (qui come altrove), anche se per alcuni sono solo parte del folklore o sono state "adottate e riadattate" (alias fatte proprie) da religioni successive :) Ma sono lì, forti ed emozionanti.
Una su tutte la grande festa di mezza estate con l'allestimento (in tutta l'isola, ogni contea ne aveva uno) del midsummer pole.
Un totem di fertilità a celebrazione, ringraziamento, propiziazione delle attività di sostentamento (che qui riguardavano principalmente la pesca e l'agricoltura).
SPETTACOLARI.
Eccone alcuni... e io sono quella nanetta la sotto (tanto per farvi un'idea delle dimensioni).













Poco distante da uno di questi, nel villaggio di cui leggerete tra poco, c'era anche questo bellissimo calderone: potevo non fare una fotografia? :)
Nello specifico questo serviva per la preparazione dei colori per la tintura di filati e stoffe.






Girando per le isole si trovano chiesette di diversa età, protestanti, in legno e di pietra. E poi musei (in mini chalet di legno) che spuntano come funghi e che hanno le tematiche più disparate. C'era anche un museo di macchine fotografiche...

E ricostruzioni storiche: alcune abbastanza inquietanti vedi alla voce "ciò che resta di un importante accampamento militare" distrutto durante la prima guerra mondiale. Mi sono rifiutata di fotografare "il dolore" che dei semplici massi (ciò che restava lungo un tragitto-scarpinata di qualche chilometro nella foresta) erano li a testimoniare. Insieme a un trashissimo casottino in legno con dentro un pupazzo vestito da militare: era l'ingresso, ma sembrava tanto una cosa da film horror.


Altre FANTASTICHE. Tornerei lì subito per rivederle.
Su tutte questo villaggio (vero al 90%, ma chiaramente ritoccato/restaurato) ai piedi del castello. Qui ho pensato tantissimo a Fulvia. Era tutto molto prim nella parte vecchia-povera, poi molto english style. DELIZIOSO.































E poi Bomarsund, fresca fresca (metà del 1800): i resti della fortificazione Russa della guerra di Crimea. Fa abbastanza cagarissimo dopo aver visto cotanto castello... non l'ho fotografata nemmeno, le foto che vedete sono prese da internet.





Simpatico invece il mercatino di craft locali: niente de che... tranne per queste targhette che faranno impazzire Marina e per le due signore qui presenti.







:) ora voglio un arcolaio per filare la lana!
ma soprattutto, prima di dire che artista, che brava eccetera da oggi in poi farò riferimento a ciò che ho visto: una delle ultime merlettaie! Pizzi e merletti prevedono una lavorazione allucinante: uno schema da sehuire muovendo un infinità d'aghi a cui sono legati i rispettivi fili... e dall'intreccio psichedelico escono pizzi e merletti.

Se poi si arriva in età avanzata così, assolutamente in forma, baldanzose e pronte a riderci su con una birretta... tutte merlettaie!

9 commenti:

Francesca ha detto...

bè, quel cappellino ti dona proprio :D
no cara lo swap polloso non salta, porterò a termine i miei swap e quelli a cui sono iscritta, ne avrò fino a Natale, è poi basta.
che belli questi tuoi reportage, grazie!
bacetto
Fra

Countrygal ha detto...

Bello bello bello...non c'e' che dire, un viaggetto li' bisogna proprio farlo. Mi da' l'aria di essere un paese cosi' ...sano!

Hai ragione quel villaggetto li' e' una meraviglia, che bella la foto con la culla azzurra..un acquarello!

Bellissime foto. Bacionissimi*
Fulvia

iDEA ha detto...

é proprio lì, davanti a quella che scena che ti ho pensato tanto!

se riesco scaricherò molte altre immagini riprese solo con la videocamera.

c'era una casa che ti avrebbe fatto impazzire :)

Vale ha detto...

Bellissimo... soprattutto la vecchietta! tutte così a 80 anni!!!
Baci,
Vale

patti ha detto...

Che bel diario del tuo viaggio hai fatto!!! Leggendo era un pò come essere lì, bello bello!!!
e l'ultima foto è davvero uno slendore di buo auspicio: tutte con birra e merletti verso gli ottanta!!!;.))
Patti
p.s. per aver partecipato al mio blogfestadicompleanno, e indovinato le città, ti ho preparato un piccolo pensierino. Mi mandi il tuo indirizzo? la mia mail à pamael@libero.it.
Grazie!!!

danny* ha detto...

Laura....che bello il tuo diario di viaggio!!! :o))
Non è che tra i meravigliosi paesaggi hai incontrato anche il mitico Joey???....e non dirmi che non sai chi è!!!??? ;oPPP
baciotti

danny* ha detto...

;oPPP yesssssss!!!! proprio lui!

fatatulipano ha detto...

bellissimo reportage. hai visto dei luoghi meravigliosi. grazie per averci rese partecipi!

Merybi ha detto...

Ciao Laura
bellissimi i posti che hai visitato, le foto sono super!
Ciao
Lilia